Psicologo, psicoterapeuta e sessuologo a Roma

Psicoterapia individuale

Psicologo, psicoterapeuta e sessuologo Roma

  • Home
  • Ambiti di intervento
  • Psicoterapia individuale Roma

Tu chiamale se vuoi, emozioni

Negli ultimi anni c’è stata una riscoperta commerciale delle emozioni. Serie di successo come “Lie to me”, con protagonista un grande Tim Roth, e enormi successi al botteghino da parte della Pixar, con “Inside/Out”, hanno sottolineato alcune cose importantissime, proprie del genere umano.

Per esempio che tutti proviamo delle emozioni. “Non provo niente” è una frase che sentiamo spesso dire ma a conti fatti non è possibile non provare niente, si prova sempre qualcosa, al limite non riusciamo a entrare in contatto con una determinata emozione per i motivi più disparati e, nei casi più gravi, andiamo a parlare di “sociopatia” ma questo è un argomento più complesso che va inserito in un altro contesto.

Che ci sono due tipi di emozioni, quelle “base”, ovvero quelle emozioni che provano tutti gli esseri umani del mondo e che sono appunto alla base per quelle “secondarie” che invece sono strutturate a seconda della cultura e della società in cui viviamo e che poggiano le fondamenta sulle prime.

Paul Ekman è un grandissimo della psicologia, ha passato una vita intera a studiare le emozioni (e tra le altre cose è stato consulente proprio per il film “Inside/Out”, anche se sembra non sia soddisfatto di quello che è uscito fuori… E ci credo, alla fine è pur sempre un cartone animato, non un trattato scientifico) e alla fine ha affermato che esistono 6 emozioni di base: rabbia, disgusto, tristezza, gioia, paura e sorpresa.

In Italia, Stefania Borgo ha passato anche lei una vita intera a studiare le emozioni, e i risultati sono che ne esistono 7 di emozioni primarie: ansia-paura, rabbia, tristezza, rifiuto-disgusto, dolore, gioia e piacere.

Tantissimo tempo fa, i comportamentisti ritenevo inutile lavorare sulle emozioni: il comportamento, e il controllo delle variabili, erano l’unica cosa che contava e sulla quale valeva la pena lavorare. Col passare degli anni, lo studio sulle emozioni ha reso, non solo inevitabile, ma centrale la componente emozionale e il lavoro su di essa in ambito terapeutico.
Tutte le emozioni, nessuna esclusa, sono funzionali a qualcosa. La paura, per esempio, nella zebra è funzionale ad attivarsi per poter scappare con tutta la forza necessaria dal predatore di turno. Evolvendo a livello di complessità, nell’uomo le emozioni continuano a svolgere quella funzione regolatrice che ci permette di vivere in questo mondo. Quando le cose, per motivi svariati, non funzionano più in maniera impeccabile, ecco che cominciano i problemi. Gli attacchi di panico, per esempio, altro non sono che una risposta non funzionale della nostra paura che entra in azione troppo presto e troppo forte quando non dovrebbe o non ne avrebbe alcun motivo.

Il modo di lavorare con le emozioni è variabile, dipende dall’approccio del terapeuta e dalla singolarità del paziente. Tra gli aspetti fondamentali, il riuscire a rapportarsi con tutte le emozioni, sia quelle positive che quelle negative, accettarle, capire cosa stanno dicendo di noi, in che modo e cosa possiamo fare per gestirle meglio. Riuscire a trovare di nuovo un giusto equilibrio e uno stato di ritrovato benessere sono tra gli obiettivi principali del lavoro svolto.

Dott. Francesco Battista
Psicologo, psicoterapeuta e sessuologo Roma